rosso ducati

Idee Regalo per Uomo

Rosso Ducati e un iconico casco francese

Il momento in cui dare libero sfogo ai desideri e alle passioni è proprio il periodo del Natale, nel quale si può fantasticare su tutto ciò che ci piacerebbe donare ma specialmente ricevere!
Soprattutto in questi ultimi tempi di difficoltà economica, è giusto fermarsi ogni tanto a sognare ad occhi aperti e pensare a cosa ci piacerebbe tanto.
Visto che non costa nulla, se devo sognare, io sogno alla grande!

Quello che scriverò qui di seguito potrebbe essere inteso anche come una letterina che avrei voluto scrivere a Babbo Natale (e chi ha orecchie per intendere, intenda: manca poco a San Valentino).

Se penso al Natale, innanzitutto penso al colore rosso e quindi: cosa potrei desiderare di questo colore? Una Ferrari? No, sarebbe troppo scontato. Inoltre consuma troppo e mantenerla sarebbe davvero dispendioso.
Il mio desiderio sarebbe una Ducati Rossa: si intona benissimo con il tema natalizio.
Abbinandola con vari gadget farebbe impallidire anche il più esigente fighetto Harleysta!

Cominciamo dal modello: sicuramente Diavel, una delle più belle naked in circolazione sia dal punto di vista del motore che del design (Testastretta 11° da 162 CV e dalla coppia esagerata).

rosso ducati

[wpvp_embed type=youtube video_code=k6VgMLkqlBo width=630 height=450]

Quest’ultimo aspetto è stato curato nei minimi particolari, basti guardare la doppia strumentazione a colori sia sul manubrio che sul serbatoio oppure lo spettacolare telaio a traliccio in bella vista, segno distintivo di casa Ducati.
Vogliamo parlare del monobraccio posteriore che porta con sè quella gomma abnorme da 240?

rosso ducati

Se non vi siete comportati bene durante l’anno potreste chiedere alla befana che al posto di portarvi il carbone nero, vi porti il Diavel Carbon Nero! Un trionfo del Carbonio che si fa pagare caro ma che se d’inverno vi manca guidarla, la potete mettere tranquillamente in salotto e farete invidia al solito Harleysta convinto!

rosso ducati

Faccio riferimento sempre al nostro amico Harleysta in quanto ai felici possessori di quei gran “ferri” americani non invidio di certo la moto (sono scomode e vibrano come un tappetto dimagrante), non invidio le loro donne, non invidio i loro fegati (con tutti quei raduni a suon di alcool!) ma invidio e ammiro il loro stile!

Nella mia lista dei desideri c’è un oggetto stiloso molto di nicchia ossia il casco jet Ruby Pavillon. Di quest’ultimo è interessante il progetto che sta alla base e le sue origini.
L’idea è di un designer parigino, Jerome Coste, che dopo alcuni anni di esperienza in storiche aziende americane di abbigliamento per le due ruote, prese spunto da un giornale giapponese di moto. Questo parlava di come una gang motociclistica di Tokyo fondesse abbigliamento fashion con capi da biker e da quest’idea decise di creare un casco che mixasse un design classico con la tecnologia moderna.
Ecco che nel 2007 venne creato il primo casco chiamato Ruby Pavillon.

ducati pavillion

Il concetto non è della solita azienda specializzata in caschi come AGV, ARAI o SHOEI le quali forniscono al cliente un oggetto leggero, silenzioso, dall’ottima protezione ma l’idea di offrire al cliente un casco che trasmetta un sapore di unicità ogni volta che lo si guarda o lo si indossa.

Gli interni sono in pelle pregiatissima e cuciti a mano, le calotte sono leggerissime e le vernici utilizzate hanno dei colori uniti o addirittura brillanti.
Un must have: calotta in carbonio a vista con bordi cromati!

Questi caschi vengono considerati come vere opere d’arte (visto anche il prezzo) e infatti la ditta produttrice non ha pensato di aprire il classico negozio monomarca in centro a Parigi ma bensì un atelier, la Boutique Ruby, in Rue Herold 1.
Particolarmente note sono le collaborazioni con icone della moda come Karl Lagerfeld o Martin Margiela.

pavillion lagerfeld

Sì, ok, non lo volevamo dire ma in realtà Karl Lagerfeld ha creato questo casco in tweed per Noi di Tweedot!

karllagerfeld

PH:
ateliersruby.com
ducati.it



Share Your Love
Email this to someoneShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *