Tweedot blog - Zumba

Zumba Fitness

Tornare in forma dopo il Natale

Il Natale del 2012 sarà ricordato sicuramente come tra i più sobri degli ultimi anni, anche se alcuni dati vanno in controtendenza (come un aumento del 20% rispetto allo scorso anno di coloro che andranno in vacanza durante le prossime festività). Anche i consumi alimentari segneranno un calo rispetto agli scorsi anni, ma, nonostante questo, usciremo tutti dalle feste con almeno quei due-tre chili in più, dopo uno slalom tra tortelli, cotechini, panettoni e fiumi di spumanti.
Come riusciremo, allora, a tornare in forma dopo questo tour de force tra pranzi e cenoni?
La novità dell’anno che sta per chiudersi si chiama “Zumba”, ed ha conquistato anche nel nostro paese migliaia di seguaci.

zumba

L’idea è venuta a Beto Perez, un ballerino colombiano che, a metà degli anni Novanta, arrotondava le sue misere entrate facendo lezioni di aerobica in una palestra. Un giorno, però, dimenticò a casa il cd con le musiche dance che utilizzava per i suoi corsi.

zumba

Nell’auto, un solo disco di musica caraibica. Spinto dalle sue allieve, utilizzò quel disco per svolgere la sua lezione. E fu da subito un gran successo: esplose nel mondo la mania per questa disciplina, che unisce danza e ginnastica in un’unica attività dai ritmi divertenti e consistenti, se si pensa che per una lezione di Zumba si possono arrivare a perdere quasi 1000kcal!!

zumba

Il nome deriva dal modo con cui gli abitanti di Calì, in Colombia, chiamano quello che in spagnolo si definirebbe “ir de fiesta”, ossia uscire con gli amici: Rumba.

Oggi la Zumba è diffusa in più di 100mila palestre di 125 paesi di tutto il mondo, e con oltre 12 milioni di seguaci, di cui donne per il 70%. La disciplina, con il tempo, si è affinata, focalizzandosi su differenti target: per i bambini esiste lo Zumbatomic, lo Zumba Gold è riservato agli over 60, mentre non poteva mancare la versione acquatica chiamata Aqua Zumba. Curiosa, poi, la versione per chi è perennemente inchiodato sulla scrivania a causa del proprio lavoro: lo Zumba Sentao (seduto, in spagnolo), farà sicuramente al caso suo.

zumba

Lo Zumba è esploso quest’anno come fenomeno che ha unito diverse fasce di popolazione, unite solo dalla voglia di stare insieme e rimanere in forma divertendosi: ha abbattuto barriere sociali e aumentato la creatività dei suoi “adepti”, che nella maggior parte dei casi si cuciscono su misura gli abiti che poi portano ad allentamento. Davvero un bel modo per smaltire “quel chiletto” in più delle feste!


TESTI © Enrico Bianco per Tweedot blog magazine. Tutti i diritti riservati.  // FOTOGRAFIE © Marie Claire – PGM Bologna – Neo Soul Cafe



Share Your Love
Email this to someoneShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *